lunedì 25 marzo 2019

La corte di rose e spine di Sarah J. Maas | Recensione

Buongiorno booklovers!
Com'è andato il weekend? Io sabato sono andata a festeggiare il compleanno a un Random Party ossia una festa dove ti vesti a caso appunto e mi sono divertita tantissimo! Comunque tornando a noi... Come già avrete notato i lettori italiani sono impazziti per l'uscita del tanto atteso La corte di rose e spine (la settimana scorsa era ovunque su instagram!) così mi sono decisa a leggerlo, anche perchè la mia copia inglese se ne stava a prendere polvere sullo scaffale da un anno ormai, e senza l'uscita italiana penso sarebbe rimasto li ancora per un bel po... Com'è andata? Eh... Eh... 



LA CORTE DI ROSE E SPINE
SARAH J. MAAS

Editore: Mondadori
Pagine: 406
Genere: Fantasy, Retelling
Serie: A Court of Thorns and Roses #1
  

"Un paio di occhi dorati brillavano nella boscaglia accanto a me. La foresta era silenziosa. Il vento non soffiava più. Persino la neve aveva smesso di scendere. Quel lupo era enorme. Il petto mi si strinse fino a farmi male. E in quell'istante mi resi conto che la mia vita dipendeva da una sola domanda: era solo? Afferrai l'arco e tirai indietro la corda. Non potevo permettermi di mancarlo. Non quando avevo una sola freccia con me." Una volta tornata al suo villaggio dopo aver ucciso quel lupo spaventoso, però, la diciannovenne Feyre riceve la visita di una creatura bestiale che irrompe a casa sua per chiederle conto di ciò che ha appena fatto. L'animale che ha ucciso, infatti, non era un lupo comune ma un Fae e secondo la legge "ogni attacco ingiustificato da parte di un umano a un essere fatato può essere ripagato solo con una vita umana in cambio. Una vita per una vita". Ma non è la morte il destino di Feyre, bensì l'allontanamento dalla sua famiglia, dal suo villaggio, dal mondo degli umani, per finire nel Regno di Prythian, una terra magica e ingannevole di cui fino a quel momento aveva solamente sentito raccontare nelle leggende. Qui Feyre sarà libera di muoversi ma non di tornare a casa, e vivrà nel castello del suo rapitore, Tamlin, che, come ben presto scoprirà la ragazza, non è un animale mostruoso ma un essere immortale, costretto a nascondere il proprio volto dietro a una maschera. Una creatura nei confronti della quale, dopo la fredda ostilità iniziale, e nonostante i rischi che questo comporta, Feyre inizierà a provare un interesse via via più forte che si trasformerà ben presto in una passione dirompente. Quando poi un'ombra antica si allungherà minacciosa sul regno fatato, la ragazza si troverà di fronte a un bivio drammatico. Se non dovesse trovare il modo di fermarla, sancirà la condanna di Tamlin e del suo mondo...





Forse non tutti lo sanno ma acotar è uno dei motivi che mi ha spinto a leggere in inglese. Vedevo questo titolo ovunque, tutti ne parlavano bene e io volevo leggerlo ma iniziare dalla Maas non mi sembrava un'ottima scelta perchè sapevo che il suo inglese non era facilissimo, ma sopratutto a quei tempi non erano molti i retelling in circolazione ed ero curiosa. E si, se ancora non lo sapete si tratta di un retelling de La Bella e la Bestia (ma per me funziona benissimo anche come fantasy e stop). L'ho comprato un anno fa e poi come spesso mi accade ultimamente il mio hype è sceso perciò ho iniziato il libro senza pretese, senza aspettarmi niente.

Il mondo dei lettori sembra spaccato in due: c'è chi lo ama alla follia e chi lo odia. Poi ci sono io.
L'indifferenza totale.
Io non dico che la storia sia brutta o scritta male eh. E' solo che nel mio caso non mi ha colpito, non mi ha coinvolto. Non mi faceva rimanere attaccata alle pagine, anzi! sinceramente l'ho finito solo perchè avevo il cartaceo. Sopratutto perchè per avere qualcosa che mi interessasse davvero ho dovuto aspettare circa 300 pagine, su 400! cioè...
Ne la storia ne i personaggi mi hanno entusiasmato. Feyre è la classica protagonista di cui non reggo il POV quindi tutto il libro così mi è risultata na palla. Poi... Andrò controcorrente perchè so che tutti amano Rhysand e sarà pure bono eh (le fan art non mentono) ma a me è stato enormemente sul cazzo, avrei voluto dargli tante di quelle sprangate. In tanti mi hanno detto che questo personaggio migliora ma al momento non ho intenzione di continuare la serie, perchè 1. so che nel seguito Rhysand dovrebbe essere molto presente e solo a pensarci fuggo; 2. con tutte le fan art che ho visto in giro so già come finisce; 3. alcune scene qui in acotar non mi sono piaciute per niente.

Sii grata del tuo cuore umano, Feyre. Prova pietà per quelli che non provano nulla.

Per quanto riguarda il worldbuilding, non mi è dispiaciuto però non so, era come se mi mancasse qualcosa... Se non ci fosse stata la mappa non avrei capito niente di come sono situate le varie corti dei fae. Restando in tema fae... Ultimamente non mi sta andando a meraviglia con queste creature (vedi Il Principe Crudele + seguito) e questo ha influito molto anche su acotar, forse però ho apprezzato un po di più quelle della Black... Ma poi scusate solo io ho pensato che già essendo un libro sui fae questo termine viene usato spesso (almeno in quello eng, poi non so se in italiano è stato tradotto con fate o è rimasto fae) più mi chiami la protagonista Feyre, la cui pronuncia è Fay-ruh, non lo trovate molto simile? E' come se il lettore venisse continuamente bombardato da questa parola; è come scrivere un libro sui dinosauri e chiamare il protagonista Dinosaur!

Anche sto giro insomma non mi smentisco e la corona di Regina delle Unpopular Opinion rimane sulla mia testa 😎


“You could have broken it.


Avete letto La corte di rose e spine? Cosa ne pensate?

9 commenti:

  1. Quindi la protagonista femminile starà antipatica anche a me. BENE MA NON BENISSIMO. Comunque anche io so già con chi finirà proprio perché è umanamente impossibile sfuggire alle fan art dedicate. spero mi arrivi presto perché voglio farmi una mia opinione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma non è dettoooooo, lo si che io sono particolare hahaha

      Elimina
  2. Grazie per la recensione, aspetto di leggerlo prima di dire alcunche...

    RispondiElimina
  3. Feyre in questo libro mi ha lasciata indifferente, ma nei seguiti mi è piaciuta di più.
    So che molti odiano Rhys in questo primo volume, ma, sarà che io apprezzo tantissimo i personaggi stronzi, lui mi è piaciuto parecchio. In realtà però questo non è il vero Rhys. Diciamo che in parte è solo una facciata. Le circostanze lo richiedevano. u.u
    Comunque peccato che tu abbia deciso di non continuare al momento, ti perderesti personaggi cazzuti come Mor, Amren, Cassian, Azriel... e tanti altri. Conoscendo più o meno i tuoi gusti, sono sicura che potrebbero piacerti molto. Magari leggi qualche estratto su goodreads, per farti un'idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. al momento voglio dare la precedenza ad altre serie però non è detto che io la molli del tutto, diciamo che sono un po indecisa...

      Elimina
  4. Ma io sono l'unica che leggerà questo libro senza saperne niente? xD

    RispondiElimina
  5. Ciao Je! Come sai con i fae non vado molto d'accordo e quindi sono sempre stata restia a iniziare questo libro, nonostante mi abbia sempre attirato la cover in primis. Penso proprio che per non lo leggerò, magari aspetto di essere nel mood giusto per i fantasy xD

    RispondiElimina
  6. Concordo con Giusy, se leggessi il secondo e conoscessi la crew della Night Court rivaluteresti Rhys e ti innamoreresti degli altri (Mor per prima, è fantastica)!

    RispondiElimina

Grazie per aver commentato! You make me sooo happy ♥