mercoledì 27 giugno 2018

Il mio primo firmacopie | RareRome2018

Buongiorno booklovers!
Finalmente è arrivato il momento di parlarvi del RARE, l'evento firmacopie che si è tenuto a Roma il weekend scorso. Mettetevi comodi eh che un po lunghetto...


Prima di parlarvi dell'evento vorrei fare un passo indietro perchè per me il RARE non è stato solo il 22 e 23 giugno, ma è partito non appena ho acquistato il biglietto, ossia l'anno scorso.
Quando mi sono avvicinata al rare conoscevo un paio di autrici che erano nella lista, tre sole erano quelle che volevo incontrare, altre erano in wish list da secoli e altre ancora si sono aggiunte strada facendo. Dopo un attento spulciamento mi sono creata la mia personale lista di autrici che volevo leggere (che erano tipo una ventina perchè ragà io sono molto selettiva) e a settembre 2017 sono partita subito con le letture perchè volevo cercare di leggere più autrici possibili. E comunque ero continuamente assalita dall'ansia di non riuscire nel mio intento e invece con mia grande sorpresa CE L'HO FATTA! Ho letto le autrici che mi ero prefissata, alcune le ho abbandonate, altre le ho scoperte, altre non le avrei prese in considerazione se non fosse stato per Jess (❤) che tra l'altro ha dovuto sopportare i miei messaggi di ansia e pipe mentali, love you.


Venerdì mattina si parte con il treno per scendere a Roma e una volta arrivata ho aspettato Chiara e Francesca del blog Cronache di Lettrici Accanite con le quali ho condiviso l'appartamento e se non ci fossero state loro probabilmente sarei ancora la alla stazione a tentare di capirci qualcosa...
Nel tardo pomeriggio siamo andate al party di registrazione dove erano presenti alcune autrici tra cui Elle Kennedy che aveva una fila p a z z e s c a ma per fortuna mentre eravamo in coda abbiamo incontrato altre ragazze con cui chiacchierare di libri (è questo il bello di eventi del genere!) e qui ho conosciuto anche Elisa.
Dopo la faticaccia che è stata la fila della Kennedy siamo volate a mangiare insieme a Virginia (che fa parte del blog sopra citato) e il suo ragazzo, che tra l'altro è da fare loro una statua visto ci hanno scarrozzato in giro e all'evento!

E si arriva a sabato, il momento tanto atteso.
Dopo una piccola (ma grande) fila che sembrava non muoversi mai siamo finalmente entrate. Mi sono guardata un attimo in giro perchè ammetto che a primo impatto la cosa sembrava un po spaventosa: entri, ci sono tutti i tavoli disposti con tantissime autrici e tu sei li tipo "ma ce la farò?" e allora si parte alla carica che questa è Sparta! Subito mi sono divisa dalle altre perchè sono partita all'attacco non appena ho visto un'autrice libera che mi interessava. Poi prima di fare casini e perdere tempo sono corsa a prendere i biglietti numerati per le autrici più famose così da assicurarmi già un posto in fila e poi sono ripartita alla ricerca delle autrici della mia lista che avevano meno fila. Sarò sincera... Vabbeh che le autrici che mi ero prefissata di incontrare erano poche (circa 10) rispetto ad altre persone però io già in mattinata sono riuscita a passare quasi da tutte difatti al momento della pausa pranzo ero messa a buon punto e così sono stata ferma più del dovuto a rilassarmi un attimo e a chiacchierare con le altre. La parte drammatica (ma neanche così tanto) è arrivata dopo perchè mi restavano le autrici numerate e se per la Zapata e la Cole sono andata spedita non posso dire lo stesso della Cherry e della Watt perchè la fila era immensa ma come sempre tra una coda e l'altra si incontra sempre qualcuno con cui scambiare due parole perciò la fila sembra anche più corte facendo due ciaccole. Girando girando ho beccato Silvy (con cui mi ero fermata a parlare anche il giorno prima) ed è sempre un piacere parlare con lei ma soprattutto scoprire che non sono l'unica che si arraffa tutti i segnalibri possibili con i manzi nudi (eheh), ho anche conosciuto Beatrice che ho poi beccato nuovamente in una delle tante file per le autrici.
Diciamo che alle 15 e qualcosa io avevo completato le mie autrici così inseme a Jess (finalmente sono riuscita a incontrarti!!!) ho girato da altre autrici per farmi firmare dei segnalibri, salutarle e insomma fare due chiacchiere, e qui ho conosciuto anche Sandy e Daniela. Quando sono andata a raccattare Chiara&Francesca che erano ferme alla fila per la Cherry ho incontrato Susy e Francy anche loro nella stessa fila, e anche se ci siamo viste per poco tempo è stato bello fare due chiacchiere e dare un volto alle persone con cui parlo quasi ogni giorno.

Tanta stanchezza e mal di schiena ma ne è valsa pena. Inutile dire che è stata un'esperienza bellissima grazie alla quale ho potuto incontrare e parlare con Lauren Rowe e la Cherry che mi hanno detto che ero super cute (tanti cuori per loro), la Zavarelli che ci ha detto che si è messa all'opera per portare la serie Crow in Italia, Lauren Lovell che
è davvero bella e quando ci ho fatto la foto insieme volevo sotterrarmi, Erin Watt le cui autrici hanno anche fotografato i miei libri pieni di post-it e a momenti morivo li davanti a loro, la Cilli che ha detto che si impegnerà a farmi piangere di nuovo (vai Chiara vaiiiii), Mariana Zapata e Tillie Cole che sono dolcissime, Natasha Madison che ho scoperto essere italiana (woooah) e poi sono passata anche da Staci Hart, Lexi RyanKindle AlexanderTerri E. Laine & A.M. Hargrove, ho visto la Steiner e la McGuire che sono bellissime, roba da autostima sotto i piedi ragà... E sicuramente mi sto dimenticando qualcuno...
Ovviamente non mi sono fatta sfuggire i men of rare (eheh...) e mi sono fatta firmare da Stuart e Franggy i libri della Cherry per cui hanno fatto i modelli. Il mio telefono ha una risoluzione di merda per cui tra le tante foto fatte con le autrici vi metto solo quella con Franggy perchè io sono venuta decente e lui è troppo patato, sembra un cucciolo ed è gentilissimo, quando mi sono avvicinata mi sono accorta che è più alto di quanto pensassi difatti per fare il selfie si è dovuto abbassare 😆

Per quanto riguarda il bottino, oltre al libro che avevo preordinato dalla Lovell non ho comprato altri romanzi perchè
sapete che solitamente non compro a scatola chiusa per paura di rimanere delusa ma questo non mi ha impedito di portarmi a casa un sacco di gadget: segnalibri () e card, poster, spille, penne, lecca-lecca e caramelleuna borsa e i due libri della serie Morgan Brothers che la Rowe ha voluto darmi gratis perchè "vorrei che andassero a qualcuno che sa apprezzarli veramente" e io sono rimasta un attimo sotto shock e niente mi sa che adoro quella donna.
Oltre a questo mi sono portata a casa tanti ricordi, complimenti vari per il tatuaggio(), tanti sorrisi, nuove amicizie, nuovi titoli da sbirciare e nuove autrici da tenere d'occhio, un mal di schiena atroce perchè portarsi in giro tutto il giorno 10+kg di valigia non è mica roba da poco (ma ne è valsa la pena!) e la consapevolezza che italo deve avere qualche problema con l'aria condizionata perchè sono stata tutto il viaggio con le maniche lunghe a causa del freddo.

QUALCHE APPUNTO TECNICO
L'evento era organizzato bene per essere in territorio italiano (siamo sinceri noi in queste cose siamo un po pessimi), forse le uniche pecche che ho trovato è stato il fatto che non ci fosse quasi nessuno dei responsabili che parlasse italiano, lo so che è un evento internazionale però al party di registrazione avrebbero potuto mettere almeno una persona che parlasse italiano ma forse questo era dovuto al fatto che pochi italiani si erano proposti come volontari?
Boooh. L'altra cosa è che lo Sheraton Hotel non era proprio una passeggiata da raggiungere. E' un po fuori al centro perciò abbiamo dovuto prendere la metro e una volta scese bisognava fare un tratto di strada bruttissimo senza un marciapiede decente, nel senso che se eri troppo in fuori rischiavi di finire sotto una macchina. E poi vabbeh la classica cosa che c'erano dei libri che venivano dati in omaggio e la gente se ne accaparrava ventimila, tutto regolare insomma...

Devo dire che sono molto fiera di me stessa perchè tralasciando l'andata in cui avevo paura di sbagliare treno e finire chissà dove, durante l'evento non mi sono fatta prendere dal panico o dall'ansia e penso sia la prima volta che mi succede di rimanere calma e tranquilla ahahaha.


Sisi tranquilli il post è finito quindi concludo dicendo che sono molto felice di aver partecipato a questo evento e spero vivamente che venga riproposto in Italia (per ora i prossimi eventi sono Parigi e Londra nel 2019, Edimburgo nel 2020). Sono contenta di aver conosciuto nuove persone, nuove autrici e aver creato nuovi ricordi da portarmi dietro 

14 commenti:

  1. Peccato che non siamo riuscite a farci una foto insieme Jessica!
    Sono daccordo con te è stato bellissimo dare un volto a una persona con cui parli sempre e quindi bellissimo davvero incontrarti.
    Fortunatella col man, io e Francy purtroppo non li abbiamo beccati più.
    E'vero troppo poco italiano e per il mio inglese pessimo uff non ci voleva proprio!
    Speriamo che l'anno prossimo sia diverso e ci incontreremo di nuovo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. difatti io avevo più ansia a dover parlare con le autrici in eng che non per altro >.<
      Io i men li ho fermati verso la fine difatti Stuart era un po scazzato ahahaha
      non vedo l'ora di incontrarvi di nuovooooo <3

      Elimina
  2. Beh Jess, ormai sei rodata, mi aspetto di vederti a TdL l'anno prossimo come minimo. Ecco.
    A parte questo, felicissima di averti incontrata e un po' mi dispiace di averti trascinata in giro senza meta, ma almeno siamo state un po' insieme.
    PS alla fine il book l'ho riempito tutto ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooooooooo davvero sei riuscita a farlo a tutto? Ti stimo ahahaha
      Ma TdL e SalTo non so quanto facciano per me... Magari ci penso... A me piacerebbe andare a bolognaaaa

      Elimina
  3. A vedere tutte le vostre foto e i vostri commenti, avrei voluto esserci anch'io, nonostante non abbia letto quasi nessun libro di queste autrici!
    E i gadget aaaaaaw li voglio tuttiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai gadget non posso resistere, già sono una patita di segnalibri, dove passavo arraffavo ahahaha

      Elimina
  4. Jess mi è dispiaciuto non riuscire a fare una foto insieme....però è stato davvero bello incontrarti anche solo per qualche minuto!
    Spero cambierai idea su TdL e che ci verrai a fare un salto...senno ci beccheremo a Bologna (devi andarci *__*).
    Il lecca-lecca della Zapata *__*
    Comunque purtroppo a Parigi non ci andrò ma a Londra al 90% si, perché è stata davvero un'esperienza bellissima, stancante, ma meravigliosa e da rifare!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sto pensando al piccolo evento che faranno a roma a settembre dell'anno prossimo ma è tutto in forse.
      E si è decisamente da rifare!

      Elimina
  5. È stato bellissimo incontrarci, finalmente! E che gnoccolotta che sei! xxx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché tu no? Sei una figonaaaaaaa ❤

      Elimina
  6. Dal tuo post traspare quanto questa esperienza ti sia piaciuta ♥ mi dispiace di non esserci stata, del gruppo Telegram c'eravate quasi tutte tra un po' :( Comunque si, ripensaci per il TdL, dai che è la volta buona che ci becchiamo *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un giorno ce la faremo a vederciiiiiiii❤

      Elimina
  7. Conoscerti e condividere l'appartamento con te per due giorni è stato bellissimo! Ora dobbiamo solo trovare un'altra scusa per stare insieme di nuovo, così possiamo passare le ore a parlare di libri piuttosto che dormire 😂😂
    Love u ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sopratutto a parlare di libri trash!

      Elimina

Grazie per aver commentato! You make me sooo happy ♥